La Cappella della Visione e la Chiesa Cattedrale dei Sacri Cuori di Gesù e Maria

Home

P_5F486F65-8D40-4F22-AAF7-B57E1452CFF5.jpg

Numerose cappelle e chiese accanto o sulla stessa Via Francigena erano e sono ancora oggi a disposizione dei pellegrini per una sosta o per un momento di preghiera.

La storia narra che nel novembre 1537 tre sacerdoti, Ignazio di Loyola, Pietro Fabro da Villaret (savoiardo) e Giacomo Lainez da Almazàn (castigliano) si recarono a Roma, percorrendo la Via Cassia, per fondare la Compagnia di Gesù. Lungo la Via Francigena, alla Storta, Ignazio entrò nella semplice chiesetta e, immerso in preghiera, ebbe la visione, l’apparizione di Gesù Cristo, tanto importante per la conferma del nome dato alla Compagnia di Gesù.
Il luogo e la cappella divennero oggetto di venerazione e meta di pellegrinaggi soprattutto da parte dei religiosi gesuiti già subito dopo la fondazione dell’ordine. Dopo la prima guerra mondiale, tra i progetti per la costituzione di un santuario dedicato a S. Ignazio a la Storta fu preso in considerazione anche un ampliamento della cappella, ma l’idea venne abbandonata per mancanza di spazio e fu costruita ex novo una Chiesa sulla collinetta vicina che divenne poi l’attuale Chiesa Cattedrale dei Sacri Cuori di Gesù e Maria. Dopo la distruzione durante un bombardamento nel maggio del 1944 la Cappella fu ricostruita nello stesso anno dal P. Norbert de Boynes, vicario generale. Successivamente fu restaurata e nuovamente inaugurata nel 1983.



Sia la Cattedrale che la Cappella sono accessibili a persone in carrozzina e a passeggini.




Sito Web: Chiesa Cattedrale dei Sacri Cuori di Gesù e Maria

Sito Web: Cappella della Visione

tel. 06 30890267

Come arrivare: calcola il percorso e trova la linea con il trasporto pubblico